Membro di
Socia della

Programma Alpino Uomo e Grandi Carnivori

Foto di Fabio OstiIl ritorno dei grandi carnivori (Lupo, Orso bruno e Lince) sulle Alpi è un avvenimento fondamentale nella storia naturale e culturale delle Alpi che - data la portata delle ripercussioni che comporta sul piano socio-culturale e su quello organizzativo - necessita un importante impegno per promuovere una corretta informazione circa le caratteristiche delle specie, le recenti dinamiche che le vedono protagoniste, le modalità di prevenzione e risarcimento dei danni, nonché circa le opportunità legate alla valorizzazione di prodotti, territori, economie e buone pratiche mediante una stretta e fattiva collaborazione con il settore zootecnico e con le comunità locali.

 

Su questo piano si gioca la conservazione dei grandi carnivori in Europa, ma anche il futuro della zootecnia di montagna che determina opportunità economiche a livello locale, trasforma e caratterizza da secoli il territorio, le culture e le identità locali, concorre a mantenere habitat di interesse conservazionistico e permette di mantenere vivo un presidio territoriale altrimenti non realizzabile.Foto di Emanuele Forlani

Con il Programma Alpino Uomo e Grandi carnivori, la Federazione ha messo a punto le linee guida del proprio impegno dei prossimi anni per la conservazione di Lupo, Orso bruno e Lince sulle Alpi.

Dopo aver condotto una analisi della distribuzione nel tempo e delle caratteristiche delle specie coinvolte e dello spazio alpino nonché della dimensione socio-culturale che caratterizza le più alte montagne d'Europa, la Federazione ha messo a fuoco 5 obiettivi prioritari:

Foto di Mario Frassine

  1. informare le comunità locali, mediante programmi rivolti alle famiglie ed alle scolaresche e mediante percorsi formativi mirati ai target più sensibili al ritorno dei grandi carnivori;
  2. sostenere le attività zootecniche di montagna, sia promuovendo tecniche e strumenti di prevenzione dei danni da predazione e un giusto indennizzo di quelli inevitabili, sia mediante programmi di valorizzazione dei prodotti ed il supporto al settore per la risoluzione delle diverse problematiche che mettono in discussione la sostenibilità stessa della zootecnia in montagna;
  3. ripristinare metapopolazioni alpine di Lupo, Orso bruno e Lince, mediante la riattivazione e la tutela di corridoi ecologici, il supporto a nuovi programmi di reintroduzione (Orso bruno e Lince) in aree chiave per la connessione di popolazioni isolate ed il contenimento del bracconaggio e del randagismo;
  4. valorizzare le recenti dinamiche di ricolonizzazione come opportunità per le economie locali, in particolare in relazione alle attività turistiche sostenibili, ai prodotti alimentari di qualità ed all'artigianato locale;
  5. incrementare le conoscenze sulla biologia e l'ecologia delle specie, sullo stato, la distribuzione e i trend delle popolazioni nonché circa le dinamiche di ricolonizzazione.

Referente del "Programma Alpino Uomo e Grandi carnivori" della Federazione Pro Natura è Mauro Canziani: m.canziani@uomoeterritoriopronatura.it

Torna indietro